Ma domani domani…

“Conosci te stessa”.

Siamo partite da qui, alla ricerca di noi, attraverso laboratori, creativi e non, per poter fare un po’ il punto della situazione. Ci sono stati momenti leggeri ma anche silenzi complicati, non sappiamo se vi siete mai fatti la domanda “chi sono” ma vi assicuriamo che non è una bazzecola. Andremo contro corrente, ma non vi racconteremo le conclusioni a cui siamo giunte. Vi renderemo però partecipi di come abbiamo concluso le elucubrazioni, ovvero: guardando al futuro.

C’è chi è riuscita a sognare un po’ in grande, e chi di noi invece ha fatto fatica ad immaginarsi una piccola cosa bella anche solo per il mattino dopo, ma ci abbiamo provato.

E infine è stato il nostro turno di ascoltare, si, perché ci sono state dedicate parole e musica.


“Ciao ragazze, tutte, della Casa delle Farfalle e della Comunità delle maggiorenni. I nostri percorsi di vita si sono incrociati da poco, e, giorno dopo giorno, stiamo iniziando a conoscerci. Un passo alla volta, perché per ogni cosa ci vuole il suo tempo. Avete avuto modo di conoscere come guido e sentire il suono che faccio quando rido. Mi sarebbe piaciuto dedicare una parola o una frase a ciascuna di voi, ma conoscendovi ancora poco, forse non sarebbe stata quella giusta, per adesso. Così, ho deciso di non usare parole mie, ma di prendere in prestito parole già scritte e cantate da qualcun’altra ( tranquille.. io non le canterò, le leggerò e basta! ) ma concedetemi una “licenza poetica”:

‘Ti aiuterò a proteggerti dalle paure,

dai turbamenti che incontrerai per la tua via,

dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,

dai fallimenti che per natura normalmente incontrerai.

Ti aiuterò a sollevarti dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore.

Perché sei un essere speciale, e io ti aiuterò a prenderti cura di te’.

Eliana


Spesso mi capita di rifugiarmi nei libri, alla ricerca di risposte, o di quelle domande che ti smuovono qualcosa dentro.

E oggi qualche pezzo di quei miei adorati brani ho deciso di leggervelo, perché spero che possa accendere in voi qualcosa, che possa trovare la strada per il vostro cuore e piantarci dentro un germoglio.

“…Sei fatta di così tanta bellezza,

ma forse tutto ciò ti sfugge

da quando hai deciso di essere

tutto quello che non sei.”

Hernest Hemingway

 

“…Ricorda che ti critichi da anni e non ha funzionato.

Cerca invece di apprezzarti e vedi cosa succede.”

Luise Hay

 

“…e vedi cosa succede.”

Ci avete mai pensato davvero a cosa succederebbe se provaste ad apprezzarvi un po’?

Quello che vi auguro per il vostro domani è proprio questo. Che un giorno vi diate finalmente la possibilità di guardarvi con gentilezza, dentro e fuori.

Vi auguro di riscoprirvi fragili, ma degne del vostro amore e della vostra sensibilità nel prendervi cura di voi.

Con tutto il cuore spero che troviate in voi la forza di sentirvi libere di ridere a crepapelle, di piangere fino a prosciugarvi, di urlare così tanto da sentirvi svuotate, di saltare nelle pozzanghere in inverno e tra le foglie secche in autunno, solo per sentirvi più leggere, se questo è quello che vi serve.

Vi auguro di scoprire che siete degne di tutte le più belle cose di questo mondo.

Vorrei che un giorno vi guardaste allo specchio, e nel vostro riflesso scorgeste il volto di un’amica.

Vorrei che prendervi cura di voi diventasse il vostro gioco preferito.

E così:

“Stanca di aspettare che arrivasse il principe a salvarla, la principessa raccolse tutto il suo coraggio, impugnò la spada e andò dritta verso il drago per ucciderlo. ‘Non ho più paura di te!’ Gli gridò, anche se dentro tremava. Il drago la guardò negli occhi stupito e le disse: ‘Non c’è davvero alcun bisogno di essere violenti. Io non ti ho detto di rimanere, anzi mi sono sempre chiesto perché restassi così a lungo.’ ‘Bene allora’ rispose la principessa, in grande imbarazzo. E non appena si allontanò dalla tana del drago realizzò che ciò che l’aveva davvero imprigionata erano le sue paure e l’attesa che qualcuno si facesse avanti per salvarla, mentre lei stessa avrebbe potuto salvarsi da sola in qualsiasi momento.”

Ognuna di voi è quella principessa.

Spero che un giorno troverete il coraggio di lasciar andare il vostro drago.

Eleonora


ELLI MICHLER – Ti auguro tempo

Non ti auguro un dono qualsiasi,
ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
Ti auguro tempo, per divertirti e per ridere;
se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.
Ti auguro tempo, per il tuo fare e il tuo pensare,
non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.
Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre,
ma tempo per essere contento.
Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
ti auguro tempo perché te ne resti:
tempo per stupirti e tempo per fidarti
e non soltanto per guardarlo sull’orologio.
Ti auguro tempo per contare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.
Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.
Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.
Ti auguro tempo anche per perdonare.
Ti auguro di avere tempo,
tempo per la vita.

Alice

Marco


Ed ecco quindi, tirate le somme, cosa ne pensiamo noi:


Ci avete mai pensato davvero a cosa succederebbe se provaste ad apprezzarvi un po’?

Bella domanda… probabilmente non ci troveremo qui a discuterne se fossimo in grado di farlo… non è facile accettare il proprio carattere, il proprio modo di essere e il proprio aspetto.

Hernest Hemngway ci risponderebbe: “Sei fatta di così tanta bellezza ma forse tutto ciò ti sfugge da quando hai deciso di essere  tutto quello che non sei.”

Il punto è che forse siamo troppo fragili per rendercene conto,  sarebbe bello svegliarsi un mattino e “assaporare la vita quella vera”, “diventare zia”, “essere spontanea”, “essere libera”, “sorridermi davanti lo specchio”, “poter viaggiare”, “innamorarmi”, “sentirsi appagata”, “amare me stessa”, “essere felice”, “sognare”, “sorprendermi”.

La nostra maestra d’arte ci direbbe “con tutto il cuore spero che troviate la forza di sentirvi libere di ridere a crepapelle, di piangere fino a prosciugarvi, di urlare così tanto da sentirvi svuotate di scoprire che siete degne di tutte le più belle cose di questo mondo.”

Com’è possibile riscoprire noi stesse ed essere in grado di lasciar andare il nostro drago? Se ci rimane così poco tempo da dedicare a noi stesse e per vivere veramente?

Elly Michler ci augura un dono speciale : il tempo. “Il tempo per divertirti e per ridere, non soltanto per trascorrerlo, ti auguro tempo perché te ne resti, tempo per stupirti, per fidarti, per crescere, per maturare ,per sperare, per trovare te stesso, per vivere ogni tuo giorno, per vivere ogni tua ora come un dono. Ti auguro di avere tempo, tempo per la vita.”

Noi accettiamo questo dono speciale per ricordarci che la vita va vissuta in pieno e auguriamo a noi stesse di essere forti, dinanzii alle paure, ai turbamenti, alle ingiustizie, agli inganni, ai fallimenti,  e di sollevarci dai dolori e dai sbalzi d’ umore perché siamo esseri speciali e ci prenderemo cura di noi stesse.


Cosa ti piace del mondo? Cosa ti aspetti e ti auguri che lui ti offra?

Non sempre servono discorsi lunghi o parole complesse, ma a volte bastano delle semplici canzoni o poesie o delle semplici parole come queste:

“…sei fatta di così tanta bellezza,

ma forse tutto ciò ti sfugge

da quando hai deciso di essere

tutto quello che non sei.”

Hermest Hemngway

Tutti siamo portati a vedere i nostri difetti o le nostre imperfezioni e paure tralasciando le piccole perfezioni e momenti che ci caratterizzano.

Forse dovremmo cercare di concentrarci di più sulle cose che ci fanno stare bene perché questo può essere un modo sano per tornare a star bene e a vivere.

“…ricorda che ti critichi da anni e non ha funzionato.

Cerca di apprezzarti e vedi cosa succede.”

Luise Hay

Hai mai sentito la canzone di Battiato “La cura”? Cosa ti suscita questa frase?

“Perché sei un essere speciale, e io ti aiuterò a prenderti cura di te.”

A noi fa pensare che ognuno a modo suo è speciale ed è proprio per questo che gli altri ci apprezzano per quello che siamo.

Quante volte guardiamo l’orologio lamentandoci che il tempo non passa mai o lo perdiamo in cose inutili, senza accorgerci della sua importanza.

“Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare.

…ti auguro tempo per trovare te stesso

Per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come dono.

…ti auguro di avere tempo,

tempo per la vita.”

In questo periodo della nostra vita, purtroppo, il nostro tempo è occupato da pensieri e preoccupazioni difficili da scacciare, che ci fanno dimenticare che al di fuori di qui c’è un mondo che ci aspetta. E ci concentriamo per lo più su aspetti del nostro carattere che non ci piacciono, sull’aspetto fisico o semplicemente sul desiderio di diventare invisibili ed essere qualcun altro senza trovare una via di uscita per uscire da qui e tornare a trascorrere il tempo nel mondo, che ci sta aspettando fuori, quel mondo fatto di libertà, amicizia, famiglia, amore, viaggi e vita.

“è solo una questione di rapporto tra ingranaggi

e tutto gira liscio fino a quando non ti scoraggi,

che l’unico motore qui sei tu con il fiatone

a spingere in salita per la vita il carrozzone.”

Siamo noi il motore della nostra vita, la nostra forza è il carburante migliore che ci permette di arrivare ovunque, superando ostacoli, salite e godendo a pieno del “vento che ti spettina mentre pedali”.

Ci possono privare di molte cose ma non dei sogni e della speranza: ecco perchè ci auguriamo di salire sulla nostra bici e iniziare a pedalare.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s